post

UNDER 14 -10^ Campionato recupero

« DECA.. GORLA SENZA R A »   

Gelida serata, in quel di Gorla, dove va in scena, la partita, di recupero, della 10°giornata, di campionato, non disputata, domenica 24 novembre, a causa dell’impraticabilità del campo.

I galletti, fanno la partita, cercando di tessere trame offensive, che si rivelano, però, poco efficaci, nonostante le pur belle azioni, sprecano in diversi, andando a conclusioni che hanno poco di pericoloso, il portiere avversario, infatti, il più delle volte, si limita a controllare o blocca tiri, come si suol dire, “telefonati”.
Ed è così che il Gorla va in gol in una delle caratteristiche azioni di contropiede al minuto 30.
Va precisato, che Gorla, nonostante, sparute azioni, esclusivamente in contropiede, si era dimostrata più pericolosa cogliendo un palo, a gol già fatto, e in altri casi, ci mette una pezza il portiere Roman e recuperi portentosi di “C’eri”, “Venu”, e Birsan.
Il “Bolla” coglie una clamorosa traversa, e nel finale di tempo, prima dell’intervallo il “Deca” riacciuffa il pari, con azione personale insistita in piena area, sembrava non volesse più deporre in rete, mi sono detto.

Fine tempo sull’1 a 1
Tutti negli spogliatoi all’intervallo per scaldarsi e bere un corroborante the caldo.

Secondo tempo, al 3° Pruonto rileva “Dodo”. Al 5° Cova va in rete su prezioso assist del “Deca”. Ormai i galletti hanno preso pieno possesso delle operazioni, il “Deca” mette a segno la sua doppietta con un tiro perentorio angolatissimo che tocca il palo alla sinistra del portiere e si insacca, 1 a 3, è il 20°. La squadra amministra, controlla il gioco e continua a sprecare in attacco. Comincia la girandola dei cambi, Cova lascia il posto a Varinelli, Solbiati a Baldi, Colombi leggermente acciaccato a Ferrario, Bollati a Vita.
Sembra filare tutto liscio, quando all’improvviso, le cose si complicano.
Viene persa banalmente una palla a centrocampo, e su un cross l’attaccante avversario deposita in rete, è il 2 a 3, Gorla ora ci crede e ci prova fino in fondo, mentre nei galletti subentra una certa ansia e agitazione.
Nicolò Merlotti subentra a uno statuario Birsan mentre Turla sostituisce il capitano Rodrigues.
Il fischio finale, giunge dopo 3 minuti interminabili di recupero, e suona come una liberazione, sia per la vittoria, sia per il freddo crescente.

Ora tutti negli spogliatoi a festeggiare, e a fare una meritatissima doccia calda corroborati, dal caldo bicchiere di the che Laura distribuisce come sempre a tutti i ragazzi.

Appuntamento ora a domenica, dove i galletti, sono chiamati a una dura prova in quel di Lainate.

Forza Parabiago, continuate così

Corrispondenza dal campo:  Antonio Mazzitelli
Testo Raccolto da: G.S.

CLASSIFICA